Pubblicati da domagli19

DIVORZIO Revoca dell’ assegno di mantenimento in pendenza di giudizio divorzile – Assegno divorzile Condizioni per il riconoscimento

Revocato nel giudizio divorzile l’assegno di mantenimento su specifica istanza avanzata dopo il passaggio in giudicato della sentenza  parziale dichiarativa dello scioglimento del Matrimonio. Infatti il divorzio fa venir meno il rapporto coniugale e con esso lo status di coniugi separati che giustifica lì’assegno di mantenimento. All’assegno di mantenimento si potrà sostituire l’assegno  divorziale, ma […]

DIRITTO SOCIETARIO Art. 2495 c.c. Cancellazione società e rinuncia del credito litigioso

DIRITTO SOCIETARIO – Art. 2495 c.c. Inutile la sentenza che accerta il credito in favore di una  società di capitali in liquidazione  se questa, nelle more del giudizio,  viene cancellata dal Registro delle Imprese e nessuna annotazione  viene fatta di quel credito, nel bilancio finale di liquidazione. Niente da fare, quindi, per la socia che agisce esecutivamente […]

DIRITTO DI FAMIGLIA separazione – tradimento – addebito

DIRITTO DI FAMIGLIA. SEPARAZIONE GIUDIZIALE  DEI CONIUGI Il tradimento, inteso come  causa  dello stato di crisi del Matrimonio,  costa caro al coniuge  fedifrago  che si vede addebitata la responsabilità della separazione e conseguentemente subisce la condanna alle spese di lite in favore dell’altro coniuge…. Trib. Firenze n. 1894 del 2017

DIRITTO BANCARIO: usura; indeterminatezza CMS; nullita’ contratto di c/c

 DIRITTO BANCARIO Interessi usurari, Nullità per indeterminatezza  della CMS, Illegittimità di addebiti per spese non convenute,  nullità del contratto di c/c. La Banca si insinua  al fallimento  del debitore quale creditrice per € 110.000,00, ma all’esame peritale delle poste addebitate sul  c/c, viene lei stessa riconosciuta debitrice e condannata al pagamento della  somma di  € […]

DIRITTO FINANZIARIO: Banca responsabile della condotta illecita del promotore

DIRITTO FINANZIARIO Il rapporto di occasionalità necessaria tra Banca e Promotore  rende la Banca corresponsabile delle azioni illecite (sottrazioni di denaro) compiute dal Promotore in danno del cliente. La Corte di Appello di Firenze ribalta la Sentenza del Tribunale di Prato. Inoltre  chiarisce i limiti di efficacia probatoria  della confessione del promotore nei confronti della Banca […]

CONTRATTO DI AGENZIA: Risoluzione per colpa del Preponente – conseguenze

CONTRATTO DI AGENZIA:  Risoluzione per colpa del Preponente.    Non serve al Preponente negare  ogni addebito ed ottenere anche sentenza favorevole della Corte di New York. Il Tribunale di Prato accoglie la domanda proposta dall’agente  di risoluzione del contratto per colpa del Preponente e  il Preponente viene condannato non solo al pagamento delle indennità di […]

DIRITTO SOCIETARIO: Art. 2534 c.c. morte del socio e clausola di continuazione conseguenze

Diritto societario: ai sensi dell’art. 2534 c.c., se previsto nello statuto, gli eredi del socio deceduto subentrano in luogo del de cuius nella partecipazione della società cooperativa, qualora non abbiano manifestato, in tempi ragionevoli, chiara volontà di recedere (clausola di continuazione). Niente da fare quindi per gli eredi disinteressati alla partecipazione che non potranno, pertanto, […]

INCAPACITA’ NATURALE Art. 428 c.c. Annullamento del negozio

     L’adeguata istruttoria convince il Tribunale  della esistenza dello stato di incapacità naturale dell’anziana  contraente nel momento  del perfezionamento dei contratti di compravendita immobiliari. Declaratoria di annullamento di tutti i contratti ex art. 428 c.c.. Fallito l’intento di una figlia di intestare i beni della madre, alla società di famiglia, approfittando della suo stato mentale […]