CORTE APPELLO FI n. 580 del 2018

DIRITTO FINANZIARIO

Il rapporto di occasionalità necessaria tra Banca e Promotore  rende la Banca corresponsabile delle azioni illecite (sottrazioni di denaro) compiute dal Promotore in danno del cliente.

La Corte di Appello di Firenze ribalta la Sentenza del Tribunale di Prato. Inoltre  chiarisce i limiti di efficacia probatoria  della confessione del promotore nei confronti della Banca ed ammette la CTU (percipiente) ricostruttiva del rapporto  non ammessa dal giudice di primo grado.

CORTE APPELLO FI n. 580 del 2018